Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
iic_tunisi

Antigone

Data:

24/05/2017


Antigone

Opera teatrale in lingua italiana messa in scena dagli allievi dell’Istituto Scolastico Italiano “G. B. Hodierna” di Tunisi.
Antigone porta in scenai forti contrasti che caratterizzano la società greca del V sec. a.C., ma che nella loro formulazione archetipica continuano a rimanere attuali. I personaggi si scontrano con le loro opposte visioni senza trovare un punto d’incontro, se non quando ormai troppo tardi. Può il potere politico, per non apparire troppo debole, tenere conto della sola ragion di stato e non del rispetto dovuto a leggi etiche e, per ciò stesso, immutabili? E può tale potere, quando incarnato da un uomo, piegarsi alle ragioni sostenute da una donna?
Antigone, figlia e sorella di Edipo, ha dovuto assistere all’uccisione, per mano l’uno dell’altro, dei suoi due fratelli, Eteocle e Polinice, in lotta per il regno della città di Tebe. Il potere, adesso, è nelle mani dello zio Creonte che ha emanato un bando: solo ad Eteocle saranno riservati gli onori funebri; il corpo di Polinice, che ha attaccato la città, rimarrà insepolto.
La fanciulla, però, non può accettare che il decreto dello zio le impedisca di rendere anche all’altro fratello quegli onori ai quali la obbligano tanto i vincoli di sangue quanto le leggi non scritte degli dei. Dopo aver cercato invano di convincere la mite e remissiva sorella Ismene, decide di agire da sola.
L’ingresso di una guardia annuncia a Creonte che il suo divieto è stato violato: qualcuno ha gettato della terra sul cadavere. Sarà la stessa guardia che condurrà davanti al re, furioso per l’atto di disobbedienza, il colpevole: Antigone è stata colta sul fatto e con terribile fierezza rivendica l’azione.
La legge non ammette accezioni: Antigone sarà sepolta viva all’interno di una caverna. A nulla serviranno le parole di Emone, figlio di Creonte e promesso sposo della fanciulla, per ricondurre il padre verso più miti propositi, né le spaventose profezie dell’indovino Tiresia. La tragedia seguirà il suo corso col suo strascico di morti e di disperazione.

Informazioni

Data: Mer 24 Mag 2017

Orario: Dalle 18:00 alle 19:00

Organizzato da : Istituto Scolastico G.B. Hodierna

In collaborazione con : IIC Tunisi - Le Théâtre National

Ingresso : a pagamento


Luogo:

Le 4ème Art

471